Potremmo utilizzare i cookie e abbiamo bisogno di accedere ad alcune delle impostazioni del tuo browser. Fare clic sul pulsante seguente se si accettano i nostri termini sulla protezione dei dati secondo il regolamento UE 2016/679 (GDPR). Non chiediamo né memorizziamo mai nessuno dei tuoi dati personali quando utilizzi il nostro sito web in modo regolare.

Details >

    
Cosa possono insegnarci i papa-poster di Roma

Cosa possono insegnarci i papa-poster di Roma

A proposito del élites della chiesa liberale di sinistra e sui loro media previdenziali
Twitter Facebook Email Print     PDF 
 Tradotto dall'inglese con A.I.  


Il 5 febbraio 2017, la notizia ha riportato che la notte prima di persone non identificate avevano messo su papaveri grandi manifesti critici in tutta Roma. Le diciture dei manifesti erano le seguenti:

A France, hai commissariato Congregazioni, romosso sacerdoti, decapitato l'Ordine di Malta e i Francescani dell'Immacolata, ignorati Cardinali ... ma n'do sta la tua misericordia ?

Si dice che il Papa stesso
abbia reagito con molta calma a queste manifestazioni e che era stato organizzato da presunti "circoli conservatori" all'interno della chiesa cattolica - almeno secondo i molti media religiosi della sinistra-liberale. I giornalisti di domradio.de hanno scritto un articolo sull'incidente e lo hanno descritto come segue:

La polizia indaga su manifesti papa-critici a Roma ... La polizia italiana ha rimosso più di 200 manifesti in diversi quartieri di sabato, anche vicino al Vaticano. Finora, non esistono cenni concreti riguardo agli autori dei reati. Una speciale unità anti-estremismo di polizia (!) ha avviato un'indagine. I media italiani sospettano circoli religiosi conservatori dietro l'azione che respinge il corso di riforma di Francesco.

I giornalisti austriaci hanno riferito quanto segue:

Gli autori degli incidenti rimangono sconosciuti. Gli osservatori sospettano dietro i circoli conservatori della chiesa. Il testo del manifesto si riferisce ovviamente agli eventi che hanno portato alla critica del papa in questi ambienti; per esempio, la lettera di quattro cardinali al papa, che ha espresso dubbi sulla sua lettera "Amoris Laetitia", e non ha ricevuto risposta.

Molto interessanti sono i commenti di Bernd Hagenkorn, capo del comitato editoriale tedesco della Radio Vaticana, che aveva affermato quanto segue in un articolo di "Die Welt":

I casi che si agitano insieme sono molto diversi e non hanno nulla a che fare l'uno con l'altro, tranne che il Papa è la persona responsabile. Si può immaginare da dove viene. Da quelli che chiedono l'osservanza della legge, ma quando il Papa lo fa, lo costringono a richiamare la sua attenzione sulla misericordia. E quando il papa è misericordioso, allora vogliono la legge. A seconda della loro situazione.

Sulla base di questi articoli selezionati si riconosce molto bene quale innegabile confusione e atteggiamenti di parte del passato il cosiddetto "Anno della Misericordia" abbia lasciato ai cattolici.

Le indagini della polizia italiana a Roma hanno finora esito e secondo la nostra ricerca non hanno portato a risultati. Pertanto, il passo successivo logico per i cattolici conservatori sarebbe di presentare una causa per diffamazione e diffamazione e di inviare un'unità speciale di polizia per il combattimento dell'estremismo a domradio.de, catholic.at e ai redattori tedeschi di Radio Vaticana. Ma per fortuna, recentemente c'è stato l'anno della misericordia.

In ogni caso, invochiamo i cattolici a prendere le distanze da entrambi i circoli ultra-conservatori e odiosi fascisti di sinistra - il che significa che sarebbe meglio abbandonare subito l'organizzazione della chiesa, poiché attualmente nel mondo cattolico esiste un vero pericolo che uno speciale l'unità di polizia per combattere l'estremismo verrà inviata a casa quando cercherà di esprimere la verità.

Secondo l'articolo di "Die Welt", i manifesti sono stati smantellati rapidamente:

... poche ore dopo, i manifesti scomparvero, rimossi dalle persone che pulivano la città. "Perché sono stati appesi illegalmente", dice un impiegato della città che ispeziona un poster alla volta con i suoi colleghi. "Ce n'è un altro là", dice, e si affretta. Tutti quelli che vivono a Roma sanno che cose del genere di solito accadono piuttosto lentamente nella Città Eterna. Ma la critica non sopravvive a lungo. È semplicemente spazzato via.

Ciò che non è stato cancellato e rimane di questo incidente - un incidente che ricorda i fratelli Scholl dal 1943 a Monaco, tra l'altro - è un'ovvia evidente incapacità di così tanti cattolici e dei loro media deliberatamente manipolatori di accettare le critiche. Si dovrebbe consigliare loro di orientarsi un po 'di più verso le parole di un turista alla vista dei manifesti in lingua italiana:

Non capisco cosa ci sia scritto su di loro, ma il nome del mio ragazzo è Franz anche.





 
di Martin D., un giornalista investigativo accreditato e indipendente dall'Europa. Ha conseguito un MBA presso un'università degli Stati Uniti e una laurea in Sistemi informativi, ha lavorato come consulente negli Stati Uniti e nell'UE, e attualmente sta scrivendo un libro sulla storia dei media mainstream.
Lascia un commento:



Spedire

Email Twitter Facebook Print


Per suggerimenti e informazioni riservate: inviaci il tuo messaggio completamente crittografato all'indirizzo news@shinelight24.com utilizzando la nostra chiave di crittografia PGP pubblica (strumento online qui).







Valuta questo articolo
    
Grazie !
o lascia un commento
Spedire