Potremmo utilizzare i cookie e abbiamo bisogno di accedere ad alcune delle impostazioni del tuo browser. Fare clic sul pulsante seguente se si accettano i nostri termini sulla protezione dei dati secondo il regolamento UE 2016/679 (GDPR). Non chiediamo né memorizziamo mai nessuno dei tuoi dati personali quando utilizzi il nostro sito web in modo regolare.

Details >

    
Cancelleria del terrore

Cancelleria del terrore

Sui musulmani pacifici in Germania e sugli stuntshows governativi di Berlino
Twitter Facebook Email Print     PDF 
 Tradotto dall'inglese con A.I.  


Il nuovo (ed ex) cancelliere tedesco e il suo nuovo ministro degli Interni sembrano aver goduto del loro incontro verbale di ping-pong alla fine di marzo 2018. In primo luogo, il ministro Seehofer ha dichiarato alla stampa che l'Islam non appartiene alla Germania. Qualche giorno dopo, Angela Merkel ha risposto rapidamente annunciando che avrebbe pensato più o meno completamente. Il 16 marzo 2018, Merkel ha dichiarato alla stampa quanto segue:

La nostra terra era formata dal cristianesimo e continua a farlo fino ad oggi. Era ebreo. Ma nel frattempo, circa quattro milioni di musulmani vivono in Germania e praticano la loro religione. Appartengono anche alla Germania, così come la loro religione appartiene alla Germania, quindi anche all'Islam. Vogliamo un Islam conforme alla Costituzione tedesca [Grundgesetz], naturalmente, come ho spiegato molte volte, e sono convinto che dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per convivere diverse religioni. perché la conferenza dell'Islam è uno strumento così importante

Dato che le dichiarazioni del ministro e della cancelliera Merkel si contraddicono, le due persone - così come altri membri della Cancelleria - sembrano aver bisogno di consultazioni su questo tema per chiarire la situazione. Proviamo:

Ci sono attualmente circa cinque milioni di musulmani in Germania, la maggior parte dei quali è emigrata dalla Turchia negli ultimi decenni. Sono parte integrante del paese e probabilmente non potrebbero più funzionare senza questi cittadini. Che siano commercianti di questi gustosi creatori, politici di spicco a Berlino, abili artigiani o avvocati, molti musulmani sono fidanzati per e in Germania. La loro religione è l'Islam, e alcuni praticano di più, altri meno e altri ancora.

Tuttavia, a parte i veri musulmani, un puro Islam richiede molte altre cose, come credere in Allah, il suo profeta Maometto, preghiere multiple al giorno, digiuni, pellegrinaggi e, naturalmente, il Corano - il famoso libro che definisce la struttura religiosa dell'Islam.

Il Corano (che letteralmente significa "recitazione") non è lì per essere letto, ma per essere recitato. Le preghiere importanti che ne derivano devono essere in lingua araba. Poiché la maggior parte dei musulmani nel mondo (circa l'80%) non padroneggia l'alfabeto arabo, molti musulmani imparano e parlano questi passaggi di testo senza essere in grado di capire cosa significano realmente. Questo è il motivo per cui le scuole coraniche sono così importanti per la vita islamica. Il Corano così com'è oggi è stato curato da Kalif Uthman e risale all'anno 653 d.C.

Circa il 99% del Corano - la stragrande maggioranza - contiene preghiere che sono in parte belle per un dio creatore, Dio (Allah), saggio, misericordioso e clemente. Tuttavia, ci sono non un certo numero di sure che fanno appello a tutti i musulmani per l'islamizzazione, la guerra e la battaglia in tutto il mondo. Di questi:

Sura 2,191: "Uccidili ovunque li trovi e li espelli da dove ti hanno espulso, e fitna (persecuzione) è peggio che uccidere ... se ti combattono, uccidi loro. Questa è la ricompensa dei miscredenti."
Sura 2,193: "Combattili finché non ci saranno più persecuzioni e l'adorazione è per Allah. Ma se si fermano, non ci deve essere aggressione se non contro gli oppressori."
Sura 2,216: "È stato prescritto per combattere, e non ti piace. Ma è possibile che non ti piaccia ciò che è buono per te e che ti piace ciò che è male per te. Ma Allah lo sa e tu non lo sai."
Sura 2,244: "E combatti per la causa di Allah."
Sura 4,76: "Quelli che credono combattono per la causa di Dio e quelli che non credono combattono per la causa di Taghut [Satana]". Sura 9,36: "E fai la guerra contro tutti gli idolatri mentre ti fanno la guerra. E sappi che Allah è con coloro che mantengono il loro dovere [verso di lui]".
Sura 9.123: "O tu che credi! Combatti quei miscredenti che sono vicino a te e lascia che trovino in te la durezza."
Sura 22,78: "Combatti per Allah con lo sforzo che gli è dovuto [Jihad]. Ha scelto te e non ha posto alcuna difficoltà nella tua religione."
Sura 48,28: "Ha inviato il suo messaggero con i consigli e la religione della verità per manifestarlo in tutte le religioni. E Allah è sufficiente come testimone."
Sura 61,9: "Ha mandato il suo messaggero con i consigli e la religione della verità per manifestarlo in tutte le religioni, anche se coloro che associano gli altri ad Allah non lo amano."

Fino ad oggi, molti musulmani credono che il Corano sia stato ricevuto da Maometto attraverso un atto magico e divino. Un'altra interpretazione potrebbe tuttavia spiegare l'appello per la guerra e la battaglia in un libro che risale all'anno 650: Muhammad non era solo un profeta ma anche un guerriero di successo che guidava i suoi eserciti nella lotta contro il politeismo (molti Dei invece di Uno) in Arabia in quel momento.

Per islamizzare il mondo intero, le altre religioni devono subalterne o convertirsi. Chi non vuole convertirsi all'Islam può essere punito con tasse più alte e può aspettarsi che le discriminazioni ottiche siano al minimo. È importante ricordare che ci sono stati tempi di interpretazioni moderate dell'Islam, che hanno portato alla cosiddetta "età dell'oro" in Spagna nel Medioevo.

Ciononostante e indiscutibile, una piccolissima parte del Corano giustifica il terrore come un modo legittimo per diffondere la religione - una nozione che la stragrande maggioranza dei musulmani in Germania e in tutto il mondo si allontanano, fortunatamente. Ma le richieste di guerra e battaglia rimangono nelle Scritture e potrebbero essere utilizzate in qualsiasi momento per teologicamente non solo stimolare, ma in rari ed estremi momenti anche giustificare attacchi mortali.

Ovviamente, non sapendo molto di questi fatti, i rappresentanti del governo tedesco hanno rifiutato, durante i loro negoziati con i funzionari USA nel marzo 2018, di classificare Hezbollah nel suo insieme come un'organizzazione terroristica. Secondo gli addetti ai lavori, i rappresentanti di Berlino sono stati i più riluttanti a una tale classificazione tra molti funzionari degli stati dell'UE. L'amministrazione Trump sarebbe di parte e agirebbe troppo per Israele, secondo le dichiarazioni dei funzionari del governo tedesco. I tedeschi hanno rifiutato di riconoscere il braccio politico di Hezbollah - che è attivo in oltre 950 gruppi distinti in tutto il mondo - come organizzazione terroristica.

Perché? Beh, forse è a causa dei rapporti ancora molto stretti della Cancelleria tedesca con lo scandaloso ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, e che entrambe le parti non sembrano voler tagliare.

Alcuni mesi fa, i giornalisti americani avevano rivelato che Hezbollah era - e potrebbe ancora essere - impegnato in attività di riciclaggio di denaro e riciclaggio di denaro che sommergevano miliardi di dollari. conti bancari Libano. Allo stesso tempo, l'accordo sulla questione nucleare con l'Iran, che si concentrava sugli anti-israeliani - il principale sostenitore di Hezbollah - era stato una questione molto importante per l'amministrazione Obama. E questo accordo sul nucleare sembra rimanere un tema importante per la Cancelleria e il governo di Berlino, date le esportazioni tedesche in Iran raggiungendo i 3,5 miliardi di euro lo anno 2017 - un aumento di circa un miliardo di rispetto all'anno precedente.

Tenendo presente tutto questo, i funzionari di Berlino non dovrebbero sorprendersi se vengono sorvegliati e spiati durante le loro visite di nazioni straniere a causa del loro sostegno diretto e/o indiretto a un'organizzazione classificata come gruppo terroristico altrove.

Potrebbe essere ancora più imbarazzante.






 
di Martin D., un giornalista investigativo accreditato e indipendente dall'Europa. Ha conseguito un MBA presso un'università degli Stati Uniti e una laurea in Sistemi informativi, ha lavorato come consulente negli Stati Uniti e nell'UE, e attualmente sta scrivendo un libro sulla storia dei media mainstream.
Lascia un commento:



Spedire

Email Twitter Facebook Print


Per suggerimenti e informazioni riservate: inviaci il tuo messaggio completamente crittografato all'indirizzo news@shinelight24.com utilizzando la nostra chiave di crittografia PGP pubblica (strumento online qui).







Valuta questo articolo
    
Grazie !
o lascia un commento
Spedire